9 Gennaio 2023

La nuova Legge di Bilancio è stata approvata, quali sono le misure a sostegno delle PMI? Ecco cosa tenere a mente per il 2023.

Fondo di Garanzia per le PMI

Estenso fino al 31 dicembre 2023 dell’operatività dei sostegni speciali e temporanei. Il Fondo è rifinanziato con 800 milioni di euro per l’anno 2023.

Credito d’imposta per la quotazione delle PMI

Prorogato a tutto il 2023 del credito d’imposta per i costi di consulenza concernenti la quotazione delle PMI nella misura del 50% delle spese entro e non oltre 500.000 euro per impresa.

Fondo per le politiche industriali delle filiere made in Italy

Istituito il Fondo per il potenziamento delle politiche industriali di sostegno alle filiere produttive del Made in Italy (settore tessile, alimentare e arredamento). Con una dotazione è di 5 milioni di euro per l’anno 2023 e 95 milioni per l’anno 2024, l’obiettivo è quello di sostenere lo sviluppo, la modernizzazione dei processi produttivi e l’eccellenza qualitativa del Made in Italy.

Crediti d’imposta per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale

Sono estesi al primo trimestre 2023 i crediti d’imposta a parziale copertura dei maggiori costi sostenuti per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale ed effettivamente utilizzata.

Le intensità agevolative sono aumentate di 5 punti percentuali, come di seguito riportato:

  • 45% dei crediti d’imposta per imprese energivore, gasivore ed imprese non gasivore;
  • 35% del credito d’imposta per le imprese non a forte consumo di energia elettrica con potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW.

Restano inalterati i requisiti  di accesso e l’utilizzo in compensazione mediante modello F 24. I requisiti di accesso equivalgono all’incremento dei costi energetici in misura superiore al 30% nel quarto trimestre 2022 rispetto al medesimo periodo dell’anno 2019.

Credito di imposta beni strumentali

Fissato al 30 settembre 2023 il termine ultimo per la consegna dei beni ordinati e per i quali è stato versato un acconto nella misura del 20% entro il 31 dicembre 2022.

Così facendo le imprese interessate possono usufruire del credito d’imposta per investimenti in beni materiali 4.0 con le aliquote relative all’anno 2022. Si ricorda che le aliquote del CDI beni strumentali sono state dimezzate a partire dal 1° gennaio 2023.

In sede di conversione è possibile che, se ci sarà la volontà, il Parlamento intervenga spostando ulteriormente il termine dall’attuale 30 settembre 2023 al 31 dicembre 2023.

Riversamento credito d’imposta R&S

Il 30 novembre 2023 sarà il termine finale entro il quale è possibile accedere alla procedura di riversamento spontaneo del credito d’imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo.

Nuova Sabatini

Stanziati 150 milioni di euro a valere sulla Nuova Sabatini: tutti i dettagli qui. Dal 2 gennaio sono aperti gli sportelli di presentazione delle domande.

Fondo per l’innovazione in agricoltura

Agricoltura, pesca e acquacoltura beneficeranno del Fondo per l’innovazione in agricoltura destinato a favorire lo sviluppo di progetti di innovazione mediante diffusione di migliori tecnologie, macchine, soluzioni robotiche, piattaforme e infrastrutture 4.0. La dotazione del fondo è pari a 75 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2023 al 2025.

Fondo per il turismo sostenibile

Sono 5 i milioni di euro per l’anno 2023 e 10 milioni per il 2024 e 2025, volti a incentivare la promozione del turismo sostenibile. Inoltre, anche il conseguimento delle certificazioni di sostenibilità delle strutture ricettive sarà oggetto di incentivo.

Fondo imprese creative

Fondo destinato ad incentivare le attività delle PMI creative incrementa di 3 milioni di euro per l’anno 2023 e di 5 milioni di euro a decorrere dall’anno 2024.

Credito d’imposta per l’acquisto di materiali riciclati provenienti dalla raccolta differenziata

Si prevede un credito d’imposta del 36% per le spese sostenute dalle imprese che acquistano prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica o che acquistano imballaggi biodegradabili e compostabili (ex norma Uni En 13432:2002).

Rifinanziato anche per gli anni 2023 (6 milioni di euro) e 2024 (8 milioni di euro) il fondo denominato “Programma sperimentale Mangiaplastica” che finanzia i Comuni che installano ecocompattatori per le bottiglie in Pet e che per l’edizione 2022 era stato regolato dal Dm 2 settembre 2021.


Ecco ben undici buoni motivi per metterti in contatto con FI Group. I nostri consulenti sapranno consigliarti altrettante valide azioni per ottenere risultati concreti per la tua impresa!

×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× ¿Cómo puedo ayudarte?